Novità Legge Finanziaria

                    .   

BONUS BEBÈ

In sede di approvazione è previsto il riconoscimento dell’assegno di cui all’art. 1, comma 125, Finanziaria 2015 anche per ogni figlio nato / adottato dall’1.1 al 31.12.2018, fino al compimento del primo anno d’età / primo anno d’ingresso nel nucleo familiare a seguito dell’adozione.

Si rammenta che il bonus in esame, pari a € 960 annui erogato mensilmente dall’INPS, spetta a condizione che il nucleo familiare di appartenenza del genitore richiedente sia in condizione economica corrispondente a un valore dell’Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore a € 25.000 annui.

   .   

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
 
Con la Finanziaria 2018 il Legislatore, ha prorogato fino al 31.12.2018 il riconoscimento delle detrazioni previste per le spese di recupero del patrimonio edilizio e  di riqualificazione energetica come di seguito indicato:
 
- proroga della detrazione per la “generalità” degli interventi di riqualificazione energetica nella misura del 65% per le spese sostenute fino al 31.12.2018 per interventi qualificati;
 
- la riduzione al 50% della detrazione per le spese sostenute dall’1.1.2018per gli interventi di:
  • acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi;
  • acquisto e posa in opera di schermature solari;
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, con l’importo massimo della detrazione pari a € 30.000;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto ex Regolamento UE n. 811/2013.
 
- Per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione, la detrazione in esame è riconosciuta nella misura del 65%, se l’efficienza risulta almeno pari alla citata classe A di prodotto e l’intervento prevede anche la contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti di cui alle classi V, VI o VIII della Comunicazione della Commissione 2014/C 207/02.

- La detrazione è altresì riconosciuta nella misura del 65% in caso di:
  •   sostituzione dell’impianto di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro;
  •  acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

   .   

SISMA BONUS - MISURE ANTISISMICHE E MESSA IN SICUREZZA STATICA DEGLI EDIFICI
 
È altresì confermata la detrazione spettante per le spese relative all’adozione di misure antisismiche
e all’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica degli edifici, così come prevista dai commi da 1-bis a 1-sexies del citato art. 16. In particolare si rammenta che:
  •  per le spese sostenute dall’ 1.1.2017 al 31.12.2021;
  •  riferite a costruzioni adibite ad abitazione e ad attività produttive ubicate nella zone sismiche ad alta pericolosità, ossia nelle zone 1, 2, 3di cui all’OPCM n. 3274/2003;
  •  con procedure autorizzatorie iniziate dall’1.1.2017;
la detrazione è riconosciuta nella misura del 50%, da ripartire in 5 rate annuali, su una spesa
massima di € 96.000, nella quale possono essere incluse anche le spese sostenute per la
classificazione e la verifica sismica.
 
Se dagli interventi in esame deriva una riduzione del rischio sismico con passaggio:
  •  ad 1 classe di rischio inferiore, la detrazione è riconosciuta nella misura del 70%;
  •  a 2 classi di rischio inferiori, la detrazione è riconosciuta nella misura dell’80%.
 
Qualora tali interventi siano realizzati su parti comuni condominiali la detrazione è ulteriormente
aumentata al75%(1 classe di rischio inferiore) e all’85%(2 classi di rischio inferiori), su una spesa
massima pari a€96.000per il numero di unità immobiliari che compongono il condominio.

   .   


BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI 50%

È confermata la proroga fino al 31.12.2018 della detrazione IRPEF del 50% prevista a favore dei soggetti che sostengono spese per l’acquisto di mobili / grandi elettrodomestici rientranti nella categoria A+ (A per i forni)finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di interventi di recupero del patrimonio edilizio, per il quale si fruisce della relativa detrazione.

Per poter fruire della detrazione relativamente alle spese sostenute nel 2018è necessario che i lavori di recupero edilizio siano iniziati a decorrere dall’1.1.2017.

Come in passato la detrazione è fruibile in 10 quote annuali e l’ammontare della spesa detraibile (massimo €10.000) è computata indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di recupero del patrimonio edilizio.

ATTENZIONE: con l’introduzione del nuovo comma 2-bisall’art. 16, DL n. 63/2013 è previsto che anche in tali casi le informazioni relative agli interventi effettuati vanno trasmesse all’ENEA.

   .   


COMUNICAZIONE DATI ALL’ENEA – NOVITÀ
 
Con l’introduzione de il nuovo comma 2-bisal citato art. 16, DL n. 63/2013 è previsto che anche in caso di esecuzione di interventi di:

  •      ristrutturazione edilizia;
  •      adozione di misure antisismiche e messa in sicurezza statica degli edifici;
  •      acquisto di mobili;
 
le relative informazioni vanno trasmesse telematicamente all’ENEA, “in analogia a quanto già previsto in materia di detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici”.
 
Per l’operatività del nuovo adempimento è necessario attendere gli opportuni adeguamenti della
Modulistica attualmente disponibile sul sito Internet dell’ENEA.

   .   


REDDITO FIGLI A CARICODI ETÀ NON SUPERIORE A 24 ANNI
 
In sede di approvazione a seguito dell’integrazione dell’art. 12, comma 2, TUIR, è innalzato a € 4.000 il limite di reddito per essere considerati fiscalmente a carico per i figli di età non superiore a 24 anni.
 
Il nuovo limite di reddito decorre dall’1.1.2019.

   .   


NUOVO “BONUS VERDE”
 
È confermata l’introduzione, per il 2018, della nuova detrazione IRPEF, nella misura del 36%, su una spesa massima di € 5.000 per unità immobiliare ad uso abitativo, fruibile dal proprietario / detentore dell’immobile sul quale sono effettuati interventi di:

  •   ”sistemazione a verde” di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari,    pertinenze e recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi;
  •   realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.
 
La nuova detrazione:
  •   spetta anche per gli interventi effettuati su parti comuni esterne di edifici condominiali, fino ad un importo massimo di€5.000 per unità immobiliare ad uso abitativo;
  spetta anche per le spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi agevolati;
  •   è fruibile a condizione che i pagamenti siano effettuati tramite strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni;
  •   va ripartita in 10 rate annuali di pari importo, a decorrere dall’anno di sostenimento.


Chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate:

- Non sono agevolati i lavori ordinari di sistemazione annuale: restano escluse le manutenzioni annuali. Niente bonus verde anche per le spese sostenute per la manutenzione ordinaria annuale dei giardini preesistenti, sia in aree private sia in quelle condominiali. Anche qui c’è una differenza con il bonus per recupero edilizio, nel cui ambito la manutenzione ordinaria è ammessa se riguardante le parti comuni.
Per espressa indicazione della legge di Bilancio rimane invece agevolata la manutenzione, così come la progettazione, che sia “connessa” a un intervento ammesso al bonus.

- Esclusi i lavori in economia (cioè gli acquisti diretti di vasi, piante, terra, attrezzature etc presso i negozi).
I lavori effettuati in economia sul proprio giardino o terrazzo non consentono di avere il bonus verde, in quanto, per l’Agenzia, questa situazione è incompatibile con il concetto di «interventi straordinari di sistemazione a verde»

- Il limite di 5000 euro raddoppia se il condomino sistema il proprio giardino privato + contribuisce alla sistemazione di quello condominiale.
La detrazione per la «sistemazione a verde» di aree scoperte private o condominiali è pari al 36% su una spesa massima di 5mila euro per unità immobiliare. Il dubbio riguardava l’ipotesi in cui nel 2018 – unico anno di applicazione del bonus secondo il comma 12 dell’articolo 1 della legge 205/2017 – in un condominio vengano eseguiti interventi agevolati sia sulle parti comuni sia sulle proprietà esclusive: in questo caso, secondo l’Agenzia, «il diritto alla detrazione spetta su due distinti limiti di spesa agevolabile, di 5mila euro ciascuno».

- Apertura totale, infine, sui metodi di pagamento: le Entrate avevano già chiarito che sono ammessi assegni, bancomat, carte di credito e bonifici ordinari. Ciò significa che, per le spese in esame, i prestatori d’opera non subiranno la ritenuta dell’8% che gli istituti di credito effettuano sui bonifici “tracciabili”; va però ricordato che, non operando quest’ultima ritenuta, tornano applicabili quelle ordinarie (come quella del 4% sui lavori condominiali o quella prevista sulle prestazioni professionali o occasionali).

   .   


DETRAZIONE STUDENTI CON DISTURBO DI APPRENDIMENTO DSA
 
In sede di approvazione, con l’aggiunta della nuova lett. e-ter) al comma 1 dell’art. 15, TUIR, è prevista l’introduzione della detrazione IRPEF pari al 19% delle spese sostenute,a decorrere dal 2018, anche nell’interesse dei soggetti a carico, in favore di “minori o di maggiorenni, con diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento (DSA) fino al completamento della scuola secondaria di secondo grado, per l’acquisto di strumenti compensativi e di sussidi tecnici e informatici, di cui alla legge 8 ottobre 2010, n. 170, necessari all’apprendimento, nonché per l’uso di strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale e che assicurino ritmi graduali di apprendimento delle lingue straniere, in presenza di un certificato medico che attesti il collegamento funzionale tra i sussidi e gli strumenti acquistati e il tipo di disturbo dell’apprendimento diagnosticato”.
 
Con Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate saranno definite le modalità attuative della disposizione in esame.

   .   


RIFINANZIAMENTO BONUS STRUMENTI MUSICALI
 
In sede di approvazione è riproposto anche per il 2018 il contributo pari al 65% del prezzo per un massimo di €2.500, per l’acquisto di uno strumento musicale nuovo, a favore degli studenti iscritti ai licei musicali e ai corsi pre-accademici, ai corsi del precedente ordinamento, ai corsi di diploma di I e II livello dei conservatori di musica, degli istituti superiori di studi musicali e delle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica.

   .   

 
RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI
 
In sede di approvazione è riproposta, per effetto della modifica dell’art. 2, comma 2, DL n. 282/2002, la possibilità di rideterminare il costo d’acquisto di:
  •   terreni edificabili e agricoli posseduti a titolo di proprietà, usufrutto, superficie ed enfiteusi;
  •   partecipazioni non quotate in mercati regolamentati, possedute a titolo di proprietà / usufrutto;alla data dell’1.1.2018, non in regime d’impresa, da parte di persone fisiche, società semplici e associazioni professionali, nonché di enti non commerciali.
 
È fissato al30.6.201 8il termine entro il quale provvedere:
  •   alla redazione ed all’asseverazione della perizia di stima;
  •   al versamento dell’imposta sostitutiva, pari all’8%. 

   .   


ABBONAMENTI TRASPORTO PUBBLICO
 
È confermata, con l’aggiunta della nuova lett. i-decies) al comma 1 dell’art. 15, TUIR, l’introduzione della detrazione IRPEF pari al 19% delle spese sostenute, anche nell’interesse dei soggetti a carico, per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale / regionale e interregionale per un importo non superiore a € 250.

   .   


PROROGA BLOCCO AUMENTO ALIQUOTE TRIBUTI LOCALI

 
È confermata l’estensione al 2018 della sospensione dell’efficacia delle Leggi regionali/deliberazioni degli Enti locali (comuni) che prevedono aumenti dei tributi delle addizionali rispetto ai livelli 2015.

   .   


MODALITÀDI PAGAMENTO DELLE RETRIBUZIONI AI DIPENDENTI E ASSIMILATI
 

Dall’1.7.2018 è fatto divieto di corrispondere le retribuzioni in contanti al lavoratore, a prescindere dalla tipologia del rapporto di lavoro instaurato, pena l’applicazione di una sanzione da € 1.000 a € 5.000.
La firma apposta dal lavoratore sulla busta paga non costituisce prova dell’avvenuto pagamento della retribuzione.
 
A decorrere dalla predetta data la retribuzione ai lavoratori da parte dei datori di lavoro /committenti va corrisposta tramite banca / ufficio postale utilizzando uno dei seguenti mezzi:

  •   bonifico sul conto identificato dal codice IBAN indicato dal lavoratore;
  •   strumenti di pagamento elettronico;
  •   pagamento in contanti presso lo sportello bancario / postale dove il datore di lavoro ha aperto un c/c di tesoreria con mandato di pagamento;
  •   emissione di assegno consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, ad un suo delegato.

   .   


DETRAZIONE STUDENTI UNIVERSITARI FUORI SEDE - RIVISITAZIONE DELL'AGEVOLAZIONE


Sono state riviste le condizioni per poter fruire della detrazione IRPEF del 19% delle spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari“fuori sede”.
Ferme restando le altre condizioni, con riferimento al luogo di ubicazione dell’Università rispetto alla residenza dello studente, soltanto per il 2017 e il 2018, la detrazione in esame è riconosciuta a favore degli studenti:
  •   iscritti ad un corso di laurea presso una Università situata in un Comune distante almeno 100 km dal Comune di residenza (non montano / non in una zona disagiata);
  •   residenti in una zona montana ovvero disagiata e iscritti ad un corso di laurea presso una Università situata in un Comune distante almeno 50 km da quello di residenza;
A prescindere, in tutti i casi, dal fatto che residenza ed Università siano nella stessa Provincia o in Province diverse.  

   .   


INCENTIVI ALL’OCCUPAZIONE GIOVANILE
 
Con l’intento di promuovere l’occupazione giovanile stabile, ai datori di lavoro privati che, a decorrere dall’1.1.2018, assumono lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato è riconosciuto,per un periodo massimo di 36 mesi, l’esonero dal versamento del 50% dei contributi previdenziali nel limite massimo di € 3.000 su base annua. L’esonero in esame spetta con riferimento ai soggetti che, alla data della prima assunzione:
non abbiano compiuto 30 anni (limitatamente alle assunzioni effettuate entro il 31.12.2018, l’esonero riguarda i soggetti che non abbiano compiuto 35 anni);
  •  non siano stati occupati a tempo indeterminato con lo stesso o con altro datore di lavoro (i periodi di apprendistato svolti presso altri datori di lavoro che non siano proseguiti in rapporto di lavoro a tempo indeterminato non costituiscono una causa ostativa all’esonero).
Ulteriore 1 > L’esonero si applica:
  •  per un periodo massimo di 12 mesi, fermo restando il limite massimo pari a €3.000 su base annua, anche in caso di prosecuzione, successiva al 31.12.2017, di un contratto di apprendistato in rapporto a tempo indeterminato purché il lavoratore non abbia compiuto 30 anni alla data della prosecuzione;
  •  anche in caso di conversione, successiva all’1.1.2018, di un contratto a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato, fermo restando il possesso del requisito anagrafico alla data della conversione.
Ulteriore 2 > È inoltre previsto l’esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali, a favore dei datori di lavoro privati che assumono, con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato entro 6 mesi dall’acquisizione del titolo di studio, studenti che hanno svolto presso lo stesso datore di lavoro:
  •   attività di alternanza scuola-lavoro pari almeno al 30% delle ore di alternanza previste
  •   un periodo di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione.

   .   


CANONE RAI 2018

In sede di approvazione è estesa al 2018 la riduzione a € 90,00 del canone di abbonamento RAI per uso privato.

   .   


DETRAZIONE PER ALIMENTI AI FINI MEDICI SPECIALI

In sede di conversione, con la modifica dell’art. 15, comma 1, lett. c), TUIR è introdotta la detrazione IRPEF del 19% delle spese sostenute per l'acquisto di alimenti a fini medici speciali, inseriti nella sezione A1 del Registro nazionale di cui all'art. 7, DM 8.6.2001, con l’esclusione di quelli destinati ai lattanti.
Tale disposizione è applicabile limitatamente al 2017 e 2018.
 
1. Rientra nei livelli essenziali di assistenza sanitaria l'erogazione dei prodotti alimentari di seguito elencati:
a) alimenti a fini medici speciali per persone  affette da malattie metaboliche congenite;
b) alimenti a fini medici speciali per persone affette da fibrosi cistica o malattia fibrocistica  del pancreas o mucoviscidosi, ai sensi della legge n. 548/1993;
c) alimenti con dicitura «senza glutine, specificatamente formulati per celiaci» o «senza glutine, specificatamente formulati per persone intolleranti al  glutine» per persone a affette da morbo celiaco, compresa la variante clinica della dermatite erpetiforme, ai sensi dell'art. 4 della legge 4 luglio 2005, n. 123.»
2. L’erogazione di sostituti del latte  materno rientra nei livelli essenziali di assistenza sanitaria per i nati da madri sieropositive per HIV, fino al compimento del sesto mese di età.
 
La lista analitica di tutti gli alimenti detraibili con specificato nome del prodotto e ditta produttrice è contenuta nella sezione A.1. del registro nazionale di cui all'art. 7 D.M. 8/6/2001 scaricabile da internet.

   .   


DISPOSIZIONI NON RIPROPOSTE IN FINANZIARIA E QUINDI ABROGATE DAL 01/01/2018

  •   detrazione IVA acquisto immobili classe energetica A / B;
  •   detrazione IRPEF del 20% acquisto unità immobiliari di nuova costruzione da locare;
  •   assegnazione beni ai soci / estromissione immobili imprenditore individuale.

   .